IL VERO INIZIO DEL NATALE, una favola per grandi e piccini.

Molte volte cari amici, mi avete sentito dire che se vogliamo vivere in un mondo più luminoso e pulito dobbiamo recuperare la magia e l’innocenza del bambino che vive in noi, cui dobbiamo dare nuovo spazio nella nostra vita.

Oggi vi propongo un estratto da una bella fiaba che parla del Natale, la festa della purezza, della magia e della gioia per eccellenza, che ho letto qualche giorno fa sul blog di due amici, dedicato a favole per bambini che, aggiungo io, in molti casi servono come promemoria anche agli adulti.

Il titolo di questa fiaba è lo stesso che ho scelto per questo articolo: “Il vero inizio del Natale”:

“Fu quando il bambino crebbe che desiderò cose più… ‘complesse’.
Il mondo stava cambiando e in quel momento arrivarono i primi giochi elettronici, il bambino ne era affascinato e cominciava ad avere richieste ben specifiche per il povero Gesù bambino che era nato 2000 anni prima!

Così il padre del bambino, il nonno di Hèlene, che anch’esso non ci capiva molto di tutte quelle diavolerie, gli fece scegliere da sé il proprio regalo.

Era un videogioco bellissimo! Dove bisognava arrampicarsi su un castello evitando pipistrelli e vampiri!
Aveva una grafica molto semplice ma, mentre ci giocava, il bambino si sentiva veramente sulle mura di quel castello tra le nebbie della Transilvania!

Purtroppo però, avendo scelto lui stesso il gioco e avendolo dovuto indicare specificatamente nel negozio la mattina di Natale, oltre al gioco stesso non ricevette null’altro e quel giorno si sentì come se Gesù bambino non fosse mai esistito veramente.

A un certo punto provò un profondo senso di tristezza. Quella tristezza che arriva di domenica sera quando ormai la festa è finita e i bambini il giorno dopo devono tornare a scuola e gli adulti al loro lavoro.

In quel momento però successe una cosa: sentì di dover uscire fuori sul balcone, nonostante il freddo di dicembre, guardò il cielo e si vedeva a malapena una stella, il resto era coperto.
E il bambino sperò che in quel preciso istante quella stella fosse Babbo Natale o Gesù bambino che arrivavano per consolarlo ed effettivamente sentì una sferzata di aria fredda e umida in faccia che lo fece rabbrividire incredibilmente di gioia!

Non capì cos’era quella sensazione, ma era come se una mano magica l’avesse accarezzato, improvvisamente gli sembrò tutto bello anche quella giornata che sembrava essere d’improvviso diventata triste e anche l’idea della scuola che sarebbe iniziata da lì a breve! Ora ne era sicuro: qualcosa o qualcuno di magico esisteva! Ed era venuto a consolarlo proprio nel momento del bisogno, ma, naturalmente non aveva potuto mostrarsi. Forse perché semplicemente apparteneva a un altro mondo.”

Se desiderate proseguire nella lettura di questa fiaba, la trovate qui https://favoledoro.com/2018/11/14/vero-inizio-del-natale-grande-segreto/

Noi ci sentiamo presto.

Un abbraccio a tutti voi

Ester

One Reply to “IL VERO INIZIO DEL NATALE, una favola per grandi e piccini.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *