REIKI: POSIZIONI DI AUTOTRATTAMENTO

Cari amici, in questo articolo vi lascio le fotografie delle principali posizioni dell’autotrattamento.

 

Come saprete il Reiki è una grande risorsa anche per gli operatori stessi: autotrattandoci riequilibriamo le energie, ci rinforziamo, ci rilassiamo … E’ un’ottima abitudine trattarci ogni giorno, anche se stiamo bene e non abbiamo alcun problema particolare da risolvere.

Le posizioni vanno a coprire i principali centri di energia, noti sotto il nome di chakra, oltre che altri punti del corpo. Se non avete ancora le idee chiare per quanto riguarda i chakra maggiori, cliccate qui

 

Procediamo, quindi, a vedere le varie posizioni:

Posizione 1 

E’ la centratura del cuore. Si usa come posizione di

Centratura del cuore
Centratura del cuore

apertura e di chiusura. Per l’apertura potete immaginare un getto di luce bianca o dorata che, entrando dalla sommità della vostra testa, si propaga per le braccia, fino a raggiungere le vostre mani. A questo punto, se siete operatori di secondo o terzo livello, potete disegnare sui entrambi i vostri palmi il primo simbolo, quello della chiamata di energia (CKR), e poi procedere con le altre posizioni. Se siete operatori di primo livello potete procedere direttamente con le altre posizioni, oppure disegnare su entrambi i palmi, una croce di luce bianca o dorata, chiedendo che l’energia venga intensificata, dove è necessario.

 

Posizione 2

Si procede coprendo la zona della fontanella,

Autotrattamento posizione 2
Autotrattamento posizione 2

che corrisponde al settimo chakra maggiore.

Questa posizione è una di quelle utili per alleviare

il mal di testa.

 

 

 

Posizione 3

Qui si copre il sesto chakra, nella sua apertura

Autotrattamento posizione 3
Autotrattamento posizione 3

anteriore, e in quella posteriore. Anche questa  posizione può alleviare il mal di testa. E’ ottima anche per sciogliere il catarro in caso di sinusite.

 

 

 

 

 

Posizione  4

Con questa posizione si coprono due chakra

Autotrattamento posizione 4
Autotrattamento posizione 4

minori, che si trovano nelle orecchie. Posizione utile per trattare anche problemi legati al funzionamento del labirinto, oltre che l’otite e problemi dell’orecchio in genere. Molti trovano questa posizione molto rilassante, per il fatto che il proprio respiro viene amplificato al nostro udito, contribuendo a cullarci.

 

Posizione 5

Trattiamo qui il quinto chakra, quello

Autotrattamento posizione 5
Autotrattamento posizione 5

della gola. Oltre a disturbi legati al mal funzionamento della gola stessa, come ad esempio il raffreddore, contribuisce anche a portare energia luminosa alla nostra capacità di esprimerci nel mondo, e alla nostra creatività, che sono appunto, sfere di pertinenza del quinto chakra. Ottima per il trattamento di problemi legati al funzionamento della tiroide.

 

 

 

Posizione 6

Con questa posizione si riporta l’equilibrio

Autotrattamento posizione 6
Autotrattamento posizione 6

negli opposti: la nostra parte femminile e quella maschile e tutto ciò che è ad esse connesso, come ad esempio l’alternanza fra la riflessione e l’intraprendenza, la fantasia e la razionalità, e così via.

 

 

 

 

Posizione 7

Qui vengono trattati il cuore e la ghiandola

Autotrattamento posizione 7
Autotrattamento posizione 7

del timo, che corrispondono al quarto chakra. Al di là dei vari problemi e sintomi fisici legati al cuore, come ad esempio la tachicardia, questa posizione aiuta a regolarizzare anche gli aspetti collegati al quarto chakra, come ad esempio il coraggio di intraprendere strade nuove, la capacità di essere empatici senza soffrirne e così via. Anche questa è una posizione molto rilassante; consigliata soprattutto quando siete agitati o non riuscite a dormire.

 

Posizione 8

Copre il terzo chakra e l’ombelico. Il terzo

Autotrattamento posizione 8
Autotrattamento posizione 8

chakra è collegato alla volontà, all’elemento fuoco e alla capacità di portare a termine i progetti. Fisicamente questa è un’ottima posizione per aiutare la digestione e il funzionamento del pancreas. Spostando un poco più in basso la mano che nella foto sta appena sotto a quella che copre lo stomaco, coprite anche il secondo chakra, centro dell’ascolto di sè e che controlla le gonadi e l’apparato riproduttivo.

 

 

Posizione 9

Importantissima posizione! Questa tratta il

Autotrattamento posizione 9
Autotrattamento posizione 9

fegato, organo emuntore, cioè preposto all’eliminazione delle scorie, e la milza,  un importantissimo punto energetico, che rifornisce di energia di luce  tutti gli altri chakra. In oriente viene chiamato anche piccolo sole.

 

 

 

 

Posizione 10

Con questa posizione si coprono i reni

Autotrattamento posizione 10
Autotrattamento posizione 10

ed è ottima anche per rilassare, soprattutto se si spostano le mani un poco più sotto, anche i muscoli lombari, che spesso sono tesi per vari problemi, anche legati ad una condizione di stress generale

 

 

 

 

Posizione 11

Posizione che dà molta energia. Coprendo

Autotrattamento posizione 11
Autotrattamento posizione 11

contemporaneamente le vertebre cervicali, e il coccige, si permette all’energia di luce di scorrere lungo tutta la colonna vertebrale, nutrendo e riequilibrando tutti i chakra posteriori, che non sempre sono facili da trattare. E’ una posizione perfetta per scaldarsi e rigenerarsi.

 

 

 

 

Posizione 12

Ultima posizione dell’autotrattamento. Copre

Autotrattamento posizione 12
Autotrattamento posizione 12

il primo chakra, che controlla anche le gambe e i piedi. Con questa posizione potete concludere il trattamento ma, se lo preferite, potete anche procedere a coprire i piedi (in due tempi: prima la pianta e tallone, e poi le dita di ciascun piede). Non è una posizione molto comoda, ma se ci riuscite ne trarrete sicuramente giovamento.

 

 

 

Posizione 13

Di nuovo la posizione di apertura che, qui, si usa

Autotrattamento centratura del cuore
Autotrattamento centratura del cuore

per chiudere. Ringraziate i Maestri per il loro supporto dopo di che, se avete disegnato la croce o il primo simbolo sui palmi delle mani, strofinateli uno contro l’altro e soffiatevi sopra, appena prima di chiudere con questa posizione. Se non avete disegnato nulla, chiudete semplicemente ringraziando.

 

 

 

ATTENZIONE: è altamente consigliabile trattare anche il viso, ponendo le mani sugli occhi e lasciando libero il naso. Questa posizione aiuta in caso di sinusite o di occhi stanchi, e fa bene alla pelle del viso. Potete inserirla fra la posizione 4 e la 5.

 

L’ordine in cui vedete queste posizioni è quello che di solito viene consigliato, ma se sentite di agire in un altro modo, potete farlo benissimo: seguite sempre il cuore.

 

Se siete interessati ad usare il Reiki anche per proteggere persone, luoghi e cose, potete  leggere questo articolo: REIKI: COME PROTEGGERSI E PURIFICARSI DA ENERGIE NEGATIVE

 

Se questo articolo ti è piaciuto, fammelo sapere con un “Mi piace”!

Ti chiedo anche di condividerlo sui tuoi social, così che chi ha bisogno di leggerlo riesca a trovarlo più facilmente.

Grazie di cuore!

Ester

2 Replies to “REIKI: POSIZIONI DI AUTOTRATTAMENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *