IL CIGNO E GLI ANATROCCOLI: UN PUNTO DI VISTA SUL BULLISMO

CIGNO BIANCO Pixabay.jpg

Questo articolo, miei cari, è dedicato a tutti coloro che sono vittime del bullismo, in qualunque forma esso si manifesti, ma in modo particolare mi rivolgo a voi giovani.

Certamente vi sarete chiesti perché questa cosa tanto sgradevole stia capitando proprio a voi; in questo articolo vi offrirò il mio punto di vista in proposito.

Vedete, io credo che dietro a questo comportamento vile, ci sia un messaggio molto importante, che la vostra Anima di Luce desidera che voi comprendiate assolutamente. Qualcosa che non può farvi arrivare in altro modo che questo, in quanto, purtroppo, al momento voi non avete attivati gli strumenti necessari per comprenderlo in un modo meno doloroso.

Qual è la situazione ? Da una parte c’è questo gruppo di individui, che ha le sue convinzioni, le sue regole, i suoi strumenti, per così dire, e dall’altro ci siete voi che, per un qualche motivo particolare vi eravate messi in testa che fare parte di un tale gruppo, avrebbe significato, per voi, essere accettati come una persona di valore, vi avrebbe fatto sentire amati e supportati, in forza del cosiddetto “carisma” del gruppo. Vi siete sforzati di obbedire a queste regole, di uniformarvi alle loro credenze, nel desiderio di venire accettati, ma questo non è accaduto: quel gruppo vi rifiuta, vi attacca, vi deride, vi emargina.

Può verificarsi anche un’altra situazione: voi state procedendo apparentemente per i fatti vostri, e queste persone vi danno fastidio: vi deridono, vi usano violenza, fanno di tutto per farvi sentire una nullità.

Perché vi accade questo ?

Vi ricordate la fiaba del brutto anatroccolo? In realtà era un cigno bellissimo, ma non lo sapeva. Era stato allevato da mamma anatra, e credeva di essere un anatroccolo, così si sforzava di comportarsi come gli altri anatroccoli, ma veniva deriso ed emarginato, e il suo cuore sensibile ne soffriva.

Vedete, ragazzi, il fatto è che come anatroccolo quel cigno non era affatto credibile e i suoi compagni, che anatroccoli lo erano veramente, si accorgevano di questa discordanza. Non erano coscienti che fosse un cigno, ma sentivano che era diverso, sentivano che era più grande di loro, molto più bello, e ne avevano paura !

Io credo, miei cari, che la stessa cosa accada anche a voi: chi vi rifiuta vi sta facendo dono di un messaggio importantissimo. Del tutto inconsapevolmente, è chiaro, vi sta dicendo: “Ma ti svegli sì o no? Non lo vedi che hai altre vie da percorrere, e che saresti sprecato in mezzo a noi? Non ti accorgi che le strade del cielo ti attendono e tu stai perdendo tempo qui in basso con noi? Tu sei troppo più grande e più bello di noi, noi non potremmo mai arrivare dove tu puoi giungere, siamo troppo più fragili di te. Se tu ti ostini a voler entrare per forza nel nostro gruppo, ci distruggerai. E questo non possiamo permetterlo.”

Con il loro atteggiamento vile e violento, vi stanno, in realtà, aiutando ad evitare un errore madornale: quello di credervi chi non siete. Certamente lo fanno a modo loro, e non se ne rendono assolutamente conto, ma è questo che stanno facendo!

Come fare, allora, per far cessare questi attacchi?

Per come la vedo io avete due semplici cose da fare:

1 – Accettare con gioia e gratitudine, e senza condizioni, la vostra grandezza, e il vostro potere divino, e aprirvi a ricevere segnali chiari, per dar loro voce nel mondo, nel modo in cui vi dà gioia.

2 – Benedire, nel vostro cuore, quelle persone per l’aiuto che inconsapevolmente vi stanno dando, e allontanarvi semplicemente da loro. Apritevi all’incontro con i cigni come voi, con le anime grandi come la vostra, che hanno energie ed intenti compatibili con i vostri.

Tutto qui.

Ma attenzione: l’accettare la vostra grandezza e il benedire queste persone dev’essere qualcosa che fate in completa sincerità, qualcosa che coinvolge il vostro cuore, tutto il vostro essere: se adottate un atteggiamento esteriore di questo tipo, ma dentro non siete convinti, la cosa non funzionerà.

Non fate l’errore di combattere queste persone o, peggio ancora, di portare loro rancore, perché in questo caso, invece di spezzare il legame che vi congiunge a loro, lo rafforzerete, e dovrete sopportarne le dolorose conseguenze.

Lasciate andare, invece, con sincera gratitudine, prima di tutto dentro di voi, e vedrete che in breve tempo cesseranno di attaccarvi, perché non vi sentiranno più come pericolosi.

Se, infatti, voi siete diversi, ma percorrerete anche strade diverse, non ci sarà alcuna ragione di difendersi da voi attaccandovi, in quanto agirete in un contesto diverso dal loro.

E così tutti saranno più felici.

Non ci credete? Avete dei dubbi?

Provate. Cosa avete da perdere?

Pace e gioia a voi, ragazzi, e grazie per essere quello che siete: gioielli di incomparabile bellezza, e di incommensurabile valore.

Qui, stiamo tutti aspettando di vedervi risplendere nel mondo!

Un abbraccio luminoso, e pensieri di gioia per tutti voi.

Con amore

Ester

Se vi va di guardarlo, espongo gli stessi concetti anche qui, in questo video:

 

One Reply to “IL CIGNO E GLI ANATROCCOLI: UN PUNTO DI VISTA SUL BULLISMO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *